home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è lunedí 20 settembre 2021

C. Sternai meridionale 1 e 2 (3385m+3392m)

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Alto Adige Data:02/05/2015
Nome:Andrea C e Luca G Email:a.ceolanat symbolinwind.it
Nome gita:C. Sternai meridionale 1 e 2 (3385m+3392m) Partenza da:parcheggio fine strada
Quota partenza:1900 Dislivello:1600
Esposiz. salita:Est Esposiz. discesa:Est
Difficoltà:OSA Manto nevoso:Accettabile
Tipo di neve:Pesante Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:val d'ultimo
Commento gita:
Approfittiamo forse dell' unica finestra di bello da qualche giorno a questa parte e per i giorni a seguire. Alla partenza piove la notte, nubi basse, dormiamo li in auto. Ore 5 la sveglia, con calma alle 5.45 partiamo con nubi basse sprazzi di sereno. Da quota 2000m siamo sopra le nuvole e il sole gia alle 6:10 ci accarezza il viso. Portiamo gli sci sul sentiero verso il rif Canziani per circa 30min (fino a quota 2100m). Appena calzati gli sci, usciamo dal sentiero e attraversato il rio ci dirigiamo verso S-O per infilare l'evidente larga valle a sud del muro della diga del lago verde. Ci si porta sotto l'evidente ripido pendio che scende da una sellatta. Si punta a detta selletta. ATTENZIONE a non farsi tentare da un altra valletta a destra, bensi mantenere sempre la direzione Ovest. Poco prima della selletta si esce verso destra (direzione N) infilando una sostenuta e fino ad ora nascosta stretta valletta. Oggi togliamo qui gli sci e calziamo i ramponi. Si superano un paio di passi delicati e quasi verticali (saltino di roccia e ghiaccio possibile). Sopra detto saltino volendo si potrebbero calzare di nuovo gli sci (sempre molto ripido però). Noi proseguiamo con picca e ramponi su neve e roccette fino al punto culminate: C. Sternai meridionale quota 3385m (piccola croce commemorativa dell' incidente mortale del 2012). Depositiamo qui gli sci e caliamo verso O ad una selletta (a destra partenza della Eisrinne).Dalla selletta risaliamo alla quota 3392m con vista strepitosa su Sternai (quella classica) e sulla nostra prima cima. Discesa a ritroso. In discesa, stando su esposizioni non sud ma a centro valle, arriviamo a 5-6min dall' auto con gli sci. Altri 7 oltre a noi oggi, ma nessuno è arrivato in cima per errore di percorso, orario troppo tardo ecc...****** foto nel forum- reportage fotografici*****
Manto nevoso:
Abbastanza delicato e scarso rigelo. Solo dai 2300m in su si sale con 3cm della notte su fondo umido ma compatto. Tre ci precedono e sbaglieranno canale, ma mentre salgono si staccano in cima al canale 3 valanghe superficiali lente, che spazzano il canale dei 3-4cm della notte. noi saliamo quindi su neve vecchia umidina e compatta (rampant). Nel canalino trasversale un pò di attenzione si sale picca e ramponi su ottima neve portante non accumulata dal vento (evitare il centro canale). In discesa (all'auto alle 12) fradicione e neve collosa dai 2400m in giu. Cmq la neve portava decentemente fino a quota 2100m circa, nel bosco sopravvivenza.


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy