home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è giovedí 29 febbraio 2024

Traversata val da la Tascia valle di San Nicolò

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Trentino Data:03/02/2024
Nome:Gabriele, Leo, Paolo, Walter, Mariangela Email:cadorin.mariangelaat symbolgmail.com
Nome gita:Traversata val da la Tascia valle di San Nicolò Partenza da:Parcheggio per Fuciade sul Rio Zigolè
Quota partenza:1850 Dislivello:1030
Esposiz. salita:Sud-Est Esposiz. discesa:Nord-Ovest
Difficoltà:BSA Manto nevoso:Stupendo
Tipo di neve:Farinosa Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:Valle di San Pellegrino
Commento gita:
Bellissimo itinerario, scelta assolutamente indovinata per la traversata di oggi: saliti in direzione del rifugio Fuciade insieme a molti altri scialpinisti, ci siamo poi divisi tra forcella del Bachet, Passo Cirelle, Forcella del Laghet. In pochi abbiamo percorso tutta la Val da la Tascia per raggiungere l’omonima forcella, con gli ultimi trenta metri a piedi. Da lì un ripido canalino ci ha portato in un bellissimo vallone di cui abbiamo deciso di risalire il fianco destro fino ad un rilievo quotato 2562 m, tra la forcella Pas Paschè e il Col Ombert. La successiva discesa dopo un primo tratto su neve appesantita dal sole ma comunque sciabile senza eccessivi problemi, ci ha regalato la sorpresa di pendii ancora poco tracciati con una inaspettata e bellissima farina, merce assai rara di questi tempi. Dopo almeno 500 m di assoluta goduria abbiamo proseguito lungo la valle di San Nicolò inizialmente su stradina battuta, nell’ultimo tratto su pista al termine della quale abbiamo preso il mezzo pubblico (2 autobus, cambio al Lusia) che da Pozza di Fassa ci ha riportato al Passo di San Pellegrino
Commento manto nevoso:
Neve pressata e lavorata dal vento nel canalino iniziale. Tendenzialmente pesante anche se in alcuni tratti portante fino al cambio di esposizione che come accennato sopra ha permesso alla neve di mantenersi farinosa. Dislivello in discesa 1530 m


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy