home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è martedí 03 agosto 2021

Cima Pissadu' 2985, Rissa del Daint, Val de Bosli

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Veneto Data:12/06/2021
Nome:Leo Email:leoprafloat symbollibero.it
Nome gita:Cima Pissadu' 2985, Rissa del Daint, Val de Bosli Partenza da:Parcheggio ferr. Tridentina passo Gardena
Quota partenza:1956 Dislivello:1300
Esposiz. salita:Nord Esposiz. discesa:Nord
Difficoltà:OSA Manto nevoso:Consigliabile
Tipo di neve:Trasformata Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:
Commento gita:
Beh.. che dire..un giro nuovo dopo decenni nel magico Sella si può ancora fare. Oggi son da solo e posso alzare un po' il tiro senza pensieri. salgo la Setus, preceduto da due-tre persone e superato da una veloce tutina, mi dirigo verso la Val de Tita che salgo fino all'omonima sella (posto magico) per buttare un occhio verso la seconda mèta della giornata che mi sono prefissato; sembra tt ok! Torno sui miei passsi e con un traverso ripido su neve dura mi porto alla base delle rocce scoperte della Cima Pissadù, che dopo aver rimirato mille volte oggi finalmente attacco! cambio assetto e salgo ramponi ai piedi le prime balze scoperte da neve sfruttando però un bel canalino con neve ideale fino a dove la pendenza diminuisce, sulla pala sciabile che scende dalla cima; proseguo a piedi sempre su neve portante fino alla panoramicissima vetta. Qualche vecchia traccia di salita ma non con gli sci. Scendo la bella pala rivolta a nord- ovest fino alle rocce di misto su neve dura con grip perfetto. Un po' di discesa su misto e son di nuovo alla base delle rocce, dove traverso verso la Sella di Tita e scendo verso il secondo obiettivo, La RISSA! quando affrontarla se non ora con tutta questa neve che copre i salti? Purtroppo però il canale è interessato per tutta la sua lunghezza da una profonda rigola centrale, che lo divide esattamente in tre e costringe praticamente a derapare senza curvare, ho fatto poche curve dove è stretto. A differenza dei percorsi usuali qui non era sceso nessuno ultimamente...ci sono anche parecchi sassi caduti dall'alto in superficie. Il canale è bello lungo e lo rifarò sicuramente anche con neve polverosa, è un posto magico!! Allo sbocco della Rissa l'ambiente cambia radicalmente e vengo accolto da un sole cocente che spacca le pietre, decido lo stesso di risalire la ferratina della val di Bosli (a mio avviso più comoda del canale che sarebbe ben innevato) e per bei prati mi alzo fino all'orlo dell'altipiano, che seguo fino al rifugio Cavazza per portarmi in val Setus, oggi molto bella, quasi una pista!! Giro tecnico ma beeeeeeeeeeeeelllllo
Manto nevoso:
la notte serena ha consentito un OTTimo rigelo dai 2500 in su, ho usato sia coltelli che ramponi. Poi il caldo ha avuto la meglio, ma come detto adesso la Setus è bella pistata!!!


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy