home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è venerdí 23 aprile 2021

Pale del Menoto - traversata

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Veneto Data:27/02/2021
Nome:luca. mariateresa, davide, flavio, stefi Email:crodarossaat symbolmicso.net
Nome gita:Pale del Menoto - traversata Partenza da:Malga Bombassei
Quota partenza:1019 Dislivello:1250
Esposiz. salita:Nord-Est Esposiz. discesa:Nord
Difficoltà:BS Manto nevoso:Consigliabile
Tipo di neve:Trasformata Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:Val Marzon
Commento gita:
Gita meravigliosa in ambiente affascinante, con visuali da sogno; per di più molto valida sciisticamente, con discesa continua e lunghissima. E in cotanto splendore non una presenza, non una traccia né alcuna nota scritta, cartacea o digitale purchessia. Dalla malga sulla soglia della Val Marzon (qualche buon posto macchina) abbiamo percorso la stradina innevata fino al Cason della Crosera e poi l'interminabile ma piacevole carrareccia della Val d'Onge fino all'omonimo tabià. Fin qui percorso invero un po' monotono. Risalito il prato a monte del tabià, abbiamo svoltato a sinistra infilandoci nel dritto vallone collegato alla cresta sommitale del Campoduro; a q. 1900 m c., dove la parete che delimita a sinistra il solco presenta una discontinuità, ne siamo usciti rimontando il ripido conoide che permette di guadagnare il pendio settentrionale, dolce, magramente boscato e prepotentemente selvaggio. Con moderata diagonale abbiamo avvicinato e raggiunto l'aperta dorsale N-E e lungo questa, godendo di un panorama indescrivibile, la piatta sommità. In discesa abbiamo proseguito verso ovest assecondando poggi e ondulazioni fino ad entrare nel vallone già in parte risalito, per discenderne la ripida soglia e proseguire con gran godimento ritrovando le tracce di salita; dal tabià in giù scivolata piacevolissima fino all'auto.
Manto nevoso:
Manto ben compattato, con qualche crosta portante nella parte alta, battuta dai venti, e ottime sacche di farina, magari un po' pesante nei versanti in ombra; con un po' di occhio nella scelta delle traiettorie, la sciata risultava soddisfacente. Senza problemi la stradina, ovunque ben battuta.


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy