home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è mercoledí 22 novembre 2017

Göflaner Scharte 2453 m

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Alto Adige Data:08/12/2008
Nome:Paolo Chiti Email:paolo.chitiat symbolvaresco.it
Nome gita:Göflaner Scharte 2453 m Partenza da:Nördersberg, maso Melanz (sopra Silandro)
Quota partenza:1050 Dislivello:1400
Esposiz. salita:Nord Esposiz. discesa:Nord
Difficoltà:Sciatore medio Manto nevoso:Stupendo
Tipo di neve:Polvere soffice Valutazione gita:Consigliabile
Bibliografia: Valle partenza:Venosta
Commento gita:
Saliti da poco oltre il maso Melanz con percorso un po’ da cercare, seguendo approssimativamente il segnavia n. 1 diretto al Haselhof. Fin qui tutto da tracciare, con un’alternanza di belle radure e tratti di mulattiera attraverso il bosco. Dal Haselhof abbiamo seguito la traccia che porta al Kreuzjöchl, dove ci si affaccia sulla val Martello, indi panoramicissima dorsale, dapprima per rada lariceta, in seguito in campo aperto, fino alla quota 2453 m che precede di poco il sottostante valico Göflaner Scharte. Tornati brevemente sui nostri passi è seguita una discesa diretta attraverso la ripida parte superiore del bosco “Ebenwald”. Le provvidenziali tracce lasciate dagli scialpinisti locali ci hanno in seguito condotto verso una divertente valletta che in breve ci ha riportati al Haselhof. Da qui a ritroso lungo la traccia di salita. Nota: durante la salita occorre scavalcare alcune fastidiose recinzioni, per il resto si tratta di una bellissima gita da percorrere con abbondante neve farinosa anche a bassa quota.
Manto nevoso:
Polvere, polvere e ancora polvere ... praticamente per tutta la discesa se si esclude il primo tratto di dorsale dove la neve era ventata. Particolarmente bella la ripida discesa attraverso la parte alta del bosco con almeno un metro di farina purissima, ma anche le radure della parte bassa dell’itinerario non erano certo da meno.


 
 


home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum
Servizi di Hosting SinerWeb