home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è mercoledí 18 ottobre 2017

Cimon delle Buse dall’Or 2546 m

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Trentino Data:10/03/2007
Nome:Paolo Email:paolo.chitiat symbolalice.it
Nome gita:Cimon delle Buse dall’Or 2546 m Partenza da:Cavalese
Quota partenza:890 Dislivello:1860
Esposiz. salita:Nord-Ovest Esposiz. discesa:Nord-Ovest
Difficoltà:Sciatore buono Manto nevoso:Consigliabile
Tipo di neve:Trasformata Valutazione gita:Consigliabile
Bibliografia: Valle partenza:Fiemme
Commento gita:
Partito scispalla dalla stazione delle corriere di Cavalese, sceso alla località Cascata e da qui iniziato a risalire la Val Moena per interminabile forestale. Mi sarei aspettato di trovare neve già a partire dal ponte Brustolaie, al bivio Forame/Moena, invece una copertura continua la si trova solo a partire da Pegolazzo, poco sotto quota 1500 m. Calzati gli sci, dopo altro lungo tratto di forestale esco finalmente sul piano di val Moena, in fondo al quale, come per incanto appare la cima delle Stellune ... alla mia cima manca ancora parecchio però, non c’è da farsi molte illusioni. Dopo lungo tratto pianeggiante e poi in lieve salita giungo al baito delle Stellune ove ha termine ogni traccia di civiltà ed ha inizio la parte più interessante del percorso. Nonostante il chilometraggio accumulato non sono poi neanche tanto stanco e di buon passo risalgo la Busa della Neve. In vista dell’omonima forcella l’itinerario piega a nord e per bellissimi pendii ideali per lo sci giungo finalmente in vista della cima. Una bella valletta sale tra il cimon della Roa e la mia meta, successivamente piega a destra (est) portando alla base del pendio finale che supero con qualche inversione fino a toccare il punto culminante sci ai piedi dopo poco più di 5h dalla partenza. Nessuno in giro oggi, solo la mia traccia a tenermi compagnia. Molto bello il panorama verso cima d’Asta e la sottostante conca dei Laghetti. Escursione ad impatto ambientale pressoché nullo in quanto effettuata in treno+corriera di linea.
Manto nevoso:
Dopo i primissimi metri in derapata tra sassi affioranti bellissima sciata su neve trasformata o tutt’al più con crosticina benigna fino al baito delle Stellune (primi 600 m di discesa veramente validi dal punto di vista discesistico), in seguito veloce scivolata lungo la traccia di salita fino al lungo piano che si supera a spinta. Per finire altra velocissima scivolta su strada forestale battuta fino al termine della neve intorno a q. 1500 m. PS: A breve qualche foto sarà visionabile nel forum di questo sito.


 
 


home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum
Servizi di Hosting SinerWeb