home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è sabato 23 gennaio 2021

Beco de le Aie ( 2212) e Laste del Castel de le Aie (2393)

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Trentino Data:08/01/2021
Nome:Luisa-ve, Christian Email:luisa.marchiori58at symbolgmail.com
Nome gita:Beco de le Aie ( 2212) e Laste del Castel de le Aie (2393) Partenza da:Ziano - park caserma vigili del fuoco
Quota partenza:930 Dislivello:1600
Esposiz. salita:Nord Esposiz. discesa:Nord
Difficoltà:BS Manto nevoso:Stupendo
Tipo di neve:Farinosa Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:Val di Fiemme
Commento gita:
Seguita traccia sulle vecchie piste Belvedere, poi per bosco della Forcelletta. Si percorre per breve tratto a sx la forestale che viene da Baita Mezzolon, Campigol de le Aie, qui verso la dorsale che guarda la Val Castelir il bosco rado è quasi scomparso causa Vaia, in cima al Beco e finalmente un pò di sole in questa giornata freddissima. Di fronte a noi bellissimo il pendio delle Laste del Castel...con un'unica traccia dritta dritta di salita e già 2 inconfondibili tracce di serpentine perfette del solito Pio che se le farà altre 2 volte scendendo anche verso Malga Aie. Scendiamo con le pelli perdendo una cinquantina di metri verso l'ampia selletta e risaliamo le Laste del Castel fino alla cima sciabile.
Manto nevoso:
Questo pendio fatto decine di volte è sempre entusiasmante e cattura come una calamita! Infatti basta un cenno al socio e subito decidiamo di ripellare e tornare su ( sono solo 235 m). Altra discesa super. Ripellaggio per risalire al Beco e quindi discesa sempre su polvere in bosco rado. A quota 1550 circa invece di seguire per un breve tratto la forestale ( come in andata) ci lasciamo tentare da una traccia di un singolo ( sarà certamente un locale sicuro del percorso per andare giù di lá...). Grave errore: ci infiliamo nel letto di un torrente della Val del Gazolin, con salti di roccia , tronchi, tratti ghiacciati, qualche tratto da risalire a piedi, e già quasi al buio ( provvidenziale la pila frontale del socio) riusciamo a raggiungere sempre seguendo la traccia dello scialpinista acrobata, la forestale che con ampio giro sale da Zanolin. Alla fine quanto mi piacciono le forestali! Alla fine risulteranno 1900 m di dislivello e lì sento proprio tutti. Io a differenza di Pio quasi mio coetaneo, non ho proprio più l'età ( e domani sono 63) per far certe cose!


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy