home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è martedí 21 maggio 2019

Corno Grande - Vetta Occidentale

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Abruzzo Data:09/03/2019
Nome:Luca, Pasquale, Massimiliano, Paolo, Gianluca e Antonio Email:studiocolarossiat symbollibero.it
Nome gita:Corno Grande - Vetta Occidentale Partenza da:Tornante a quota 2.000 ss del Gran Sasso D'Italia
Quota partenza:2000 Dislivello:986
Esposiz. salita:Sud Esposiz. discesa:Sud
Difficoltà:BSA Manto nevoso:Consigliabile
Tipo di neve:Trasformata Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia:Iurisci Cristiano - Giaccio D'Appennino - Ed. Versante Sud 2012 Valle partenza:Campo Imperatore
Commento gita:
Un nutrito manipolo di partecipanti al sodalizio degli appassionati di montagna che si riconosce nel gruppo detto “Ruota Grassa” oggi ha calcato le nevi del Gran sasso D’Italia imbastendo una bellissima gita che dai 2.000 metri di quota di Campo Imperatore li ha portati sulla vetta occidentale del Corno Grande (quota 2.912 mt.) passando per il Canale Moriggia-Acitelli (alpinistico: PD-, pendenza media 40-45° con tratto a 50°). Prima discesa del giorno lungo il Canalone Bissolati con neve ghiacciata all’imbocco e ottimamente trasformata per i due terzi della formazione. Dall’uscita del canalone sulla Val Maone abbiamo percorso la diagonale a che a “mezza-costa” porta in prossimità di Sella di Monte Aquila (quota 2421 mt.) per raggiungere poi la vetta di Monte Aquila (quota 2.495 mt.) Scesi su mega firn fino a quota 1.969 mt. Da qui abbiamo approfittato della seggiovia della Scindarella per risalire fino alla sommità dell’omonimo monte a quota 2.233 mt. e sciarne (su bella neve) il suo versante sud lungo il crinale che confluisce in Valle Fredda. Tolti gli sci alla quota 1.448 mt. c.ca per terminare la gita con il ritorno alla stazione di partenza della funivia in “autoscarpa”.
Manto nevoso:
nessun pericolo valanghivo lungo il percorso


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy
Servizi di Hosting SinerWeb