home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è martedí 18 dicembre 2018

Rifugio del Duca/Monte Aquila

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Abruzzo Data:02/12/2018
Nome:Luca Colarossi Email:studiocolarossiat symbollibero.it
Nome gita:Rifugio del Duca/Monte Aquila Partenza da:Arrivo Funivia del Gran Sasso D'Italia
Quota partenza:2135 Dislivello:668
Esposiz. salita:Sud-Est Esposiz. discesa:Sud-Ovest
Difficoltà:BS Manto nevoso:Accettabile
Tipo di neve:Farinosa Valutazione gita:Consigliabile
Bibliografia: Valle partenza:Campo Imperatore
Commento gita:
La stagione inizia al seguito di chi, assieme alla pratica dello scialpinismo, coltiva la passione per la bicicletta e per questa si riconosce nel gruppo che, in quel dell’Aquila, è chiamato “Ruota grassa”. Un nutrito manipolo del suddetto, oggi, si è ritrovato sulle pendici che fanno cornice a Campo Imperatore. Motore della comitiva è stato Massimiliano Boldrini, che ha convinto i partecipanti alla gita delle buone condizioni di sciabilità dei luoghi. Il capo spedizione, ancorché munito di un cognome aduso alla frequentazione dei più importati salotti ideologici, è invece un purista della polvere che, a causa della precocità con la quale si è avviata la stagione invernale, affronta l’occasione in grave stato di “delirio nivologico”. L’anzidetta patologia ha ingenerato in questo individuo una persecuzione ossessiva finalizzata alla necessità di vedersi garantita la massima durabilità della coltre nevosa che, sulla nostra montagna, si è venuta a depositare così presto e in quantità sufficienti a consentire l’esercizio dello “scivolamento”. La gravità del disturbo ha avuto un’intensità tale da convincere il soggetto ad incaricarsi, personalmente, della custodia del prezioso manto ed essendo egli farmacista, si è affannosamente adoperato per trovare, tra tutti i suoi medicinali, l’alchimia adatta a contenere i futuri “colpi di calore” che l’anticiclone africano non mancherà di portare. Lo spirito cameratesco che contraddistingue i partecipanti a “Ruota grassa”, poi, ha fatto sì che ognuno dei presenti corresse a lenimento degli assilli dai quali, più che dalle fatiche della marcia, veniva afflitto l’organizzatore della gita. E per ciò: Paolo si proponeva di aggiungere alle nevi delle malte “vibro-cementate” per aumentarne la resistenza; Guido, invece, si spendeva in favore dei propri alunni garantendo, nella sua materia di insegnamento, l’adozione dell’istituto del “sei politico”! Ma tutti sono stati oggetto del più grande sconforto allorché il sottoscritto, nel rispetto delle sue competenze, si è proposto di legare le vicende dell’innevamento alla preventiva approvazione, da parte degli organi parlamentari della Repubblica, della così detta ….. “pace fiscale”. L’amara constatazione è stata aggravata dalle considerazioni di Pasquale il quale, trovandosi già alla sua seconda uscita, ha, addirittura, fornito una rappresentazione di rimpianto delle condizioni trovate il giorno 1 dicembre 2018. A quel punto tutti gli astanti cadevano nel panico dovendo ricondurre la conclusione di un’analisi peggiorativa al compimento di SOLO quarantotto ore! Di fronte a questa cruda realtà, ognuno dei gitanti, nella consapevolezza di poter godere di un incredibile quanto effimero terreno di gioco, è tornato ad immergersi nell’estrema bellezza con la quale il Gran Sasso, oggi, mutevolmente, si è concesso. L’attimo si è colto coprendo questo classico percorso di prossimità all’Albergo di Campo Imperatore: Partiti dall’arrivo della funivia (mt. 2.130) abbiamo guadagnato la quota del Rifugio Duca degli Abruzzi (mt. 2.388). Prima discesa sul Canale del Duca verso Campo Pericoli (fino a quota mt 2.087). Da qui siamo risaliti a Monte Aquila (mt. 2.497) per scendere fino alla quota mt. 2.052 di Campo Imperatore che ci ha portato con breve tratto in salita al punto di partenza. Trovati vari tipi di neve in funzione dell’esposizione al vento e al sole dei diversi crinali, dalla polvere al trasformato passando per il vetrato. Gita super …. Per le condizioni – inaspettate - e per la buona compagnia …..
Manto nevoso:


 
 


home pageHome   chi siamoChi Siamo   meteoMeteo   forumForum   privacyPrivacy
Servizi di Hosting SinerWeb