home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è martedí 16 gennaio 2018

Kyrgyzstan - Karakol

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Altro Data:10/01/2018
Nome:klettermaus Email:annepicardat symbolgmail.com
Nome gita:Kyrgyzstan - Karakol Partenza da:Yrdyk valley yurt camp
Quota partenza:2100 Dislivello:1000
Esposiz. salita:Nord Esposiz. discesa:Nord
Difficoltà:BS Manto nevoso:Accettabile
Tipo di neve:Farinosa Valutazione gita:Stupendo
Bibliografia: Valle partenza:Yrdyk Valley, Boz Uchuk, Turgen Ak Suu, Kashka Suu
Commento gita:
Dove si va a Natale? La presenza neve è sempre un po' a rischio in questo periodo negli ultimi anni...eravamo informati prima della nostra partenza che la situazione non era ottimale. Settimana in Kyrgyzstan con http://www.backcountryskikyrgyzstan.com/. Era la mia seconda volta in Kyrgyzstan, la seconda volta nel campo yurta di Sergei in Yrdyk Valley, vicino al lago Yssyk Kul. Il campo è dotato di tutti i comfort, si mangia benissimo, si dorme bene (sacco a pelo caldo consigliato vivamente!) e c'è perfino la sauna! Come a febbraio 2 anni fa la temperatura di notte scendeva a -15°C e anche di giorno rimaneva sotto zero con una leggera brezza, ma può fare anche più freddo in dicembre. A febbraio le giornate sono più lunghe, allora di giorno è facile che si scalda. Abbiamo fatto 3 gite dal campo e 3 gite in altre vallate in zona. Sergei e suo staff sono professionali e molto disponibili. Lingue: Kyrgyz (lingua del gruppo linguistico turco), russo e inglese. Foto: https://www.facebook.com/anne.picard/media_set?set=a.10215124936825467&type=3&pnref=story
Manto nevoso:
La prima nevicata era caduta su terreno non ancora gelato e dopo ha fatto gran freddo, quindi cristalli grandi, neve senza coesione. Poi ha nevicato sopra con uno strato di neve un po' pesante e tanto vento, quindi lastroni soffici e duri. I primi giorni il pericolo era molto alto, a 30° appena apparivano crepe o andava giù. Poi abbiamo capito che era meglio restare nel bosco dove non era ventata, e abbiamo cominciato a divertirci di più. Mancava il fondo quindi qualche sasso lo abbiamo toccato, ma abbiamo anche fatto delle belle curve da freeride. Dislivello giornaliero 800-1200m, spesso ripellando per scendere un'altra volta la parte migliore. Come viaggio assolutamente da raccomandare, ma se sei in cerca della neve perfetta, Kyrgyzstan non è sempre la scelta migliore.


 
 


home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum
Servizi di Hosting SinerWeb