home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum Over The Top: il sito degli scialpinisti 
Scialpinismo >> consultazione

Oggi è martedí 27 giugno 2017

Timmelsspitz 3033 m

Chi frequenta OTT sa, o dovrebbe sapere, che nessun contributo va preso alla lettera e tutte le informazioni vanno vagliate criticamente.

 

Regione:Alto Adige Data:17/04/2006
Nome:GA Alberto e Paolo Email:paolo.chitiat symbolalice.it
Nome gita:Timmelsspitz 3033 m Partenza da:Ponte sul rio di Monteneve sulla SS del passo del Rombo
Quota partenza:1663 Dislivello:1630
Esposiz. salita:Sud Esposiz. discesa:Sud
Difficoltà:Sci-alpinista buono Manto nevoso:Stupendo
Tipo di neve:Trasformata Valutazione gita:Consigliabile
Bibliografia:Carta Tabacco 1:25.000 - Foglio n. 039 oppure 038 Valle partenza:Passiria
Commento gita:
Cima poco nota sullo spartiacque Passiria/Ridanna a non molta distanza dal Capro. Saliti per il vallone di Monteneve transitando per l’omonimo rifugio e l’ex zona mineraria siamo giunti con interessante percorso alla Schwarzseescharte (forcella del Lago Nero) dove abbiamo dovuto perdere oltre 100 m di quota sul lato di valle del Tumulo per poter proseguire il cammino verso la cima. L’imprevista discesa, con conseguente risalita al ritorno, ha aumentato il dislivello complessivo ed alla fine ne è uscito un itinerario di discreto impegno sia in termini di dislivello che di sviluppo. Gli ultimi 50 m abbiamo preferito percorrerli a piedi in quanto in condizioni non ottimali per essere risaliti sci ai piedi (pendio ripido molto duro rivestito da un sottile strato di neve farinosa). --- Questo l’itinerario: poco prima del ponte sul rio di Monteneve si prende la strada forestale che si stacca sulla destra (indicazioni per rifugio Monteneve). Ad un successivo bivio si prosegue a sinistra ed attraversato il rio di Monteneve si continua per discreto tratto lungo la forestale e successivamente lungo la mulattiera diretta al rifugio Monteneve. Giunti alla piana q. 2168 m si transita nei pressi di alcune costruzioni per infilare un ripido canale che termina nelle immediate vicinanze del rifugio. Oltrepassato il rifugio si percorre in falsopiano tutto l’ampio vallone di Monteneve e ricalcando il segnavia estivo 28a si affronta una ripida rampa fino a giungere alla conca che ospita il lago Nero Piccolo. Volgendo a ovest si risalgono dei bei pendii ed in seguito il regolare canale che senza particolari difficoltà permette di guadagnare la forcella del Lago Nero/Schwarzseescharte. Sul lato opposto si scende per circa 130 m in valle del Tumulo e traversando a destra si infila una evidente valletta che in direzione est permette di portarsi sotto la cima del Lago Nero. Volgendo ora a NE si risalgono i regolari pendii che scendono dal Timmelsspitz (Monte Tumulo) e con ultimo tratto molto ripido (eventualmente a piedi) si raggiunge la sommità del monte. Un breve tratto in falsopiano porta facilmente al punto culminante.
Manto nevoso:
Per i primi 200 m di dislivello la neve è presente in modo discontinuo costringendo ad un continuo togli e metti, solo oltre i 1900 m l’innevamento si fa continuo ed abbondante. Nei primi 300 m di discesa in alta valle del Tumulo qualche cm di neve polverosa su fondo portante. Nel vallone di Monteneve stupenda neve trasformata, specialmente nel canalino sotto il rifugio, trovato in condizioni spettacolari.


 
 


home pageHome     chi siamoChi Siamo     meteoMeteo     forumForum
Servizi di Hosting SinerWeb